COME OPERIAMO

L’OTTICA LEAN THINKING

Identificare gli sprechi, eliminarli e produrre di più con un minor consumo di risorse; il principio “semplice” e fondante del lean thinking è questo !

Tutto quello che non serve ad incrementare il valore del prodotto/servizio come viene percepito dal cliente e per cui il cliente è disposto a pagare è considerato spreco e, come tale, viene eliminato.

I 5 principi con cui la letteratura ha identificato il “lean thinking” sono:
VALUE: Identificare cio’ che vale, individuare ciò per cui i clienti sono disposti a pagare un prezzo
VALUE STREAM: Identificare il flusso del valore, allineare le attività che creano valore nella giusta sequenza
FLOW: far scorrere il flusso del valore, mettere in atto le attività a valore senza interruzioni
PULL: fare in modo che il flusso sia tirato; fare scorrere il flusso in base alle richieste del cliente
PERFECTION: puntare alla perfezione, assumere la perfezione come riferimento per programmi di miglioramento continuo

L’applicazione in azienda dei principi provoca un grande cambiamento di mentalità da parte di tutto il personale ed una vera e propria “rivoluzione culturale”. E’ una scelta coraggiosa, operata da una direzione forte, dinamica, innovativa e moderna.

IL WORD CLASS MANUFACTURING (WCM)

Il WCM è un sistema interconnesso che applica il principio del miglioramento continuo di tutte le prestazioni, il coinvolgimento di tutti i livelli e funzioni aziendali, l’adozione dei principi della qualità totale, della lean production e della “ fabbrica che migliora autoalimentando i processi di lavoro”, con il fine di controllare e ridurre i costi della produzione in maniera sistematica applicando metodologie riferibili ed misurabili.

LEAN SIX SIGMA

Il SIX SIGMA è una modalità di lavoro che ha l’obiettivo di misurare le performance del processo industriale o produttivo in generale.

Le metodologie Lean Thinking e Six Sigma vengono utilizzate insieme per massimizzare i benefici dell’operare per processi: eliminare gli sprechi, innescare in maniera strutturata il miglioramento continuo in tutti i processi aziendali, sostenere e accrescere la produttività, l’efficienza e il livello di soddisfazione del cliente.

Lean Thinking per aumentare l’efficienza e la flessibilità dei processi produttivi e decisionali eliminando ogni spreco (ciò che non è percepito come valore per il cliente finale) grazie al contributo di tutte le persone coinvolte.

Six Sigma per migliorare l’affidabilità dei processi attraverso l’eliminazione delle cause primarie e la riduzione dei costi della non qualità basandosi sull’utilizzo di dati oggettivamente misurati.

Se fino a ieri il 5° principio del Lean Thinking, la Ricerca della Perfezione, era la naturale estensione del kaizen, da oggi con la metodologia Six Sigma si aprono nuove prospettive per realizzare sempre più efficacemente il miglioramento continuo.